lunedì 21 dicembre 2015

Al Pascià "Curvy": amore alla prima fumata

"Small in size, big in flavour"


"Un'idea davvero semplice.
Era sotto gli occhi di tutti
ed è strano che nessuno
ci abbia pensato
prima di noi. "

Cosimo Sportelli
Bisogna ch'io l'ammetta: per quanto riguarda la questione Curvy la mia è stata una posizione che potrei definire "privilegiata".
Si, il mio privilegio è stato quello di poter seguire da vicino le fasi finali di gestazione dell'ultima novità di casa Al Pascià.
Inoltre le lunghe conversazioni a briglia sciolta con Cosimo e Leonardo Sportelli, titolari dell'atelier milanese (e ideatori della linea Curvy), mi hanno portato a comprendere quanto importante sia stato per loro questo progetto, quest'idea inseguita per due lunghi anni e nella quale credono fortemente.
Il progetto "Curvy" ha preso forma con un interesse ben preciso che è quello di rendere accessibile a tutti una pipa dotata di sistema reverse: sono anni ormai che artigiani vari propongono radiche di questo genere ma allo stesso tempo va sottolineato come i loro prezzi non siano proprio alla portata di chiunque. Da oggi, invece, la musica cambia e bastano appena 100€ (ad esser precisi 99,50€) per iniziare a godere della nuova pipa Al Pascià.

lunedì 14 dicembre 2015

Dr. Jekill & Mr. Brown (n° 4)

Il Brown in coppia con la mia Icarus Teardrop
Quando sentii nominare per la primissima volta il fantomatico Samuel Gawith "Brown n° 4", anni or sono, rimasi molto colpito dal fatto che venisse definito "ignifugo" o addirittura scherzosamente accostato "all'amianto" (a causa della sua difficile combustione), pur restando comunque un prodotto di elevatissima qualità.
Ammetto che ne rimasi sconvolto. Sconvolto al punto da decidere che mai e poi mai mi sarei avvicinato a quella treccia oleosa per timore di non riuscire a trarne delle fumate gustose.
Purtroppo iniziò tutto così.
Poi, un bel giorno...
...Un caro "amico di forum" me ne regalò un bel pezzo.
Passai intere giornate a guardarlo, come uno stupido, chiedendomi: "Sarò davvero capace di mandare in fumo questo tabaccaccio tanto ostico quanto affascinante?"

lunedì 7 dicembre 2015

Duca “Bog Oak” rhodesian

"Ricerco sempre nuove soluzioni
sia estetiche che funzionali,
che contemperino studio delle forme
e sperimentalismo,
innovazione e armonia."

M. Rimensi


Per la pipa in quercia fossile questo è senza dubbio un buon momento.
È da qualche anno ormai che questo materiale seguita incessantemente a cavalcare la cresta dell'onda ed un motivo dovrà pur esserci.
La mia esperienza con il fossile è iniziata qualche anno fa con un paio di produzioni di artigiani minori allo scopo di scoprire e, di conseguenza, farmi una piccola idea su questo materiale ai tempi a me sconosciuto.
Il risultato di quei primissimi approcci fu parzialmente positivo: non ero certamente dinanzi ad un sostituto della radica, ma ad un buon diversivo.
Ad onor di cronaca, però, va sottolineato che la mia attenzione in materia è sempre stata rapita dalle creazioni del nostro Massimiliano Rimensi, alias "Duca Pipe", dal mio punto di vista le più belle morte mai realizzate sul suolo italico.
A mio modestissimo avviso è proprio nello shape rhodesian che Max ha saputo dare il meglio assoluto di se, trasformando una forma di stampo classico in un bellissimo e godibile esercizio di stile (già ne parlai in precedenza in questo articolo: "The best italian rhodesian").

lunedì 30 novembre 2015

New corn cob stem: nuova vita al tutolo

Le pipe in tutolo rappresentano da sempre una vera e propria delizia a basso costo: bastano una quindicina di Euro per portarne a casa una e per iniziare a godersi delle fumate estremamente asciutte.
Sono pipe rustiche, funzionali... Ma senza grosse pretese.
I loro limiti maggiori??
Innanzitutto la durata: una pannocchia non vivrà in eterno ma se ben trattata resterà con noi per molto tempo.
Il secondo limite, purtroppo, è tutto in quel maledettissimo bocchino. Tutte le corn cob, ad esclusione delle "freehand", escono dall'azienda con un bocchino a dir poco pessimo, una plastica ben lontana anche dalla peggiore delle ebaniti. E questo, per noi appassionati, non è di certo un bene.

martedì 24 novembre 2015

"Running Pipes 2015" by Al Pascià


Il 2015 è proprio un anno d'oro dalle parti di Milano.
A distanza di qualche mese dalla presentazione e dal lancio sul mercato dell'attesissima "Curvy" Al Pascià torna a far parlare di se... E questa volta lo fa per un nobilissimo scopo: la beneficenza.
La collaborazione tra lo storico atelier milanese e "OAfrica" (associazione che si batte da anni per regalare un futuro a più di 5000 bimbi ghanesi) non sembra avere fine e il tanto atteso ritorno della "Running Pipe", ad appena tre anni dall'ultima volta, ne è una prova più che tangibile.
In questa occasione, però, il passo è stato doppio.
Si, per questo 2015 si è deciso di optare non per una ma per ben due pipe. Il tutto per puro scopo umanitario.

lunedì 16 novembre 2015

Peterson: Straight System 31

La System 31
Quando si parla delle System di casa Peterson nell'immaginario collettivo si concretizza sempre e comunque l'idea di una pipa dall'ormai nota linea più o meno curva... Ed il motivo, almeno in apparenza, è semplice.
Queste pipe, come sappiamo, sono dotate di una sorta di "pozzetto" all'interno del cannello, una microcamera d'espansione che ha il compito di far condensare il fumo e quindi raccoglierne l'acquerugiola. Funzionale ed efficace.
Per raggiungere questo scopo si ha proprio la necessità di una bent per fare in modo che la condensa eviti di tornare su per il bocchino. Come potrebbe essere altrimenti?
In effetti un'alternativa tutta irlandese esiste eccome ed è rappresentata dalla meno nota "Straight System 31".

lunedì 9 novembre 2015

iTabacchi: il tabacco a portata di smartphone

Ormai il rapporto con la pipa e con il tabacco si è fatto sempre più ampio. Qualche anno fa, prima della grande diffusione di internet, acquistare pipe e tabacchi o, più semplicemente, scambiare opinioni in materia con un collega richiedeva un rapporto diretto, a tu per tu... Oggi invece la rete ci viene in contro e ci permette di rendere tutto più rapido e comodo.
Tutto ciò che ruota attorno alla nostra passione sta diventando sempre più a portata di smartphone e, con le dovute cautele, non possiamo che esserne felici.
Proprio per restare saldamente in tema voglio segnalare un'app estremamente pratica che sta facendo la gioia di moltissimi fumatori (me compreso), mi riferisco a "iTabacchi", software disponibile già da tempo per sistemi operativi iOS (Apple).
Sviluppata dalla Soponext e interamente dedicata al fumatore a tutto tondo.
iTabacchi è l'app perfetta per chi, come noi, vive un rapporto viscerale con il tabacco: al suo interno troviamo un vastissimo database diviso per categorie: sigarette, sigari, sigaretti, trinciati per sigarette, trinciati per pipa e tabacchi da fiuto e mastico.
In ogni categoria troviamo tutti i prodotti disponibili attualmente sul mercato italiano con relativi prezzi (il tutto costantemente aggiornato).

lunedì 2 novembre 2015

“Obsidian” pipe stem oil


È una questione spinosa e discussa fin dall'alba dei tempi quella relativa ai molti pregi e agli innegabili difetti dell'ebanite.
Lo abbiamo detto e ripetuto più volte: questo nobile e confortevole materiale, negli anni, sarà destinato ad esser vittima di inevitabili affiorature di zolfo che tenderanno a renderlo sempre più opaco e sempre meno gradevole alla vista.
Da qualche tempo, però, pare finalmente arrivato sul mercato un prodotto che, a detta di molti, sembra possedere delle doti assai "miracolose"... Mi riferisco all'olio per bocchini "Obsidian".
Il sottoscritto, perennemente affetto da una massiccia dose di curiosità, ha avuto la fortuna di testarlo in maniera diretta.

lunedì 26 ottobre 2015

Brebbia "Liberty" straight rhodesian


Proprio qualche mese fa ho avuto l'impulso e l'opportunità di togliermi uno sfizio, di quelli piccoli piccoli.
Di tanto in tanto ci sono delle voglie improvvise che, nei limiti delle proprie possibilità, è giusto tentare di soddisfare.
La mia attenzione a questo giro si era focalizzata su una pipa di fascia economica prodotta dalla Brebbia e con un valore di circa 50/60€.
Appartiene alla serie "Liberty" e può esser definita una "entry level" a tutti gli effetti. Una vera e propria "pipa da battaglia".
È una piccola straight rhodesian di appena 12cm di lunghezza e con un diametro al fornello di 1,8cm. Una pipa di dimensioni ridotte e leggerissima... Proprio queste sue caratteristiche mi hanno spinto verso l'impulsivo acquisto.

lunedì 19 ottobre 2015

Sigaro Toscano ed. "Scrigno"

Se credevate che le edizioni speciali 2015 a marchio M.S.T. trovassero una giusta conclusione con la trilogia dedicata ai 200 anni del Sigaro Toscano sbagliavate di grosso.
Per novembre infatti è prevista un'altra piccola nuova uscita (anche se definirla "nuova" potrebbe risultare piuttosto eccessivo e pretenzioso).
Mi sto riferendo al Toscano edizione "Scrigno", ennesimo box contenente una variegatura di sigari interi.

lunedì 12 ottobre 2015

Review: G.R.E. "Le Baron" (gusto classico)



Marca: Grand River Enterprises
Nome tabacco: Le Baron
Origine: Germania
Master blender: Grand River Enterprises
Trattamento: Air cured
Tipo confezione: Busta da 30 grammi
Pipa utilizzata (costruttore, modello, serie): Varie

lunedì 5 ottobre 2015

Cornell & Diehl "Mixture Monster 2"

Halloween è ormai alle porte e per festeggiare l'evento la Cornell & Diehl, da buona azienda a stelle e strisce, ha deciso di "regalarci" per il secondo anno consecutivo quattro tins da collezione della serie "Mixture Monster".
Il quartetto confezionato in tiratura limitata, questa volta in formato da 85g, è caratterizzato da illustrazioni a tema orrorifico (Fiend, Freak, Phanton, Poltergeist) e ho la sensazione che, almeno sulla carta, anche il suo contenuto potrebbe rivelarsi degno del più forte degli spaventi: all'interno troviamo una miscela composta da Cavendish chiari e scuri addolciti da aromi di cioccolato, caramello e mela... Nulla di più scioccante e spaventoso...!!
Naturalmente il set "Mixture Monster ll" non sarà disponibile in Italia ed i più coraggiosi dovranno recarsi all'estero per farne un'eventuale scorta. Il prezzo è di 14,15$ a confezione.
Ho la nettissima convinzione che senza questi tabacchi la mia "notte delle streghe" sarà meno dolciastra... E sicuramente più serena.

lunedì 28 settembre 2015

Acquisti U.S.A.? Forse preferirei evitare...

Butz-Choquin "D'Accord' shape 1596
Era fine agosto quando, per motivi vari ed eventuali, mi sono ritrovato a dover gestire l'acquisto di una pipa da un importante store americano per conto di un caro amico poco avvezzo con i moderni sistemi dell'e-commerce.
La pipa da lui scelta era una simpatica Butz-Choquin square panel della linea "D'Accord", serie di livello medio/basso ma più che adatta ad un uso intensivo e quotidiano.
La pipa in questione era da loro presentata in rete solamente con una foto, ma fin qui nulla di strano: una radica economica (sulle 60€ circa) non ha di certo necessità di un servizio fotografico completo, posso capirlo. Ma alla richiesta fatta via mail di poterla guardare sotto un altro paio di angolazioni la risposta è stata secca: "non disponiamo di macchine fotografiche e quindi non è possibile fare altri scatti". Strano che un negozio online con vendite a livello globale non abbia la possibilità di scattare un paio di foto per un cliente. In Italia, tutto sommato, questo "gran privilegio" non mi è stato mai negato...

lunedì 21 settembre 2015

Icarus "Stubby Apple" sandblasted

Agosto è stato il mese di stop per il mio blog. Era necessario che mi concedessi una pausa che mi desse l'opportunità di staccare almeno per qualche momento dal web e tornare a dedicare anche quei brevi istanti di "vita in internet" a me e a chi mi tocca da vicino, in modo diretto. Di tanto in tanto un po' di sana disintossicazione dalla rete è più che dovuta.
Alla fin fine agosto è un mese identico agli altri undici, ha soltanto l'accortezza di portarsi dietro, anno dopo anno, la ricorrenza del mio compleanno... E anche questa volta, come ormai d'abitudine, è arrivata una nuova radica ad allietare quel particolare giorno.
No, non sono stato io a farmi questo bel dono, non questa volta... Ma dei cari amici, quindi un motivo in più per apprezzare le buone qualità di questa new entry.
Ed eccomi qui, oggi, a ringraziare loro e a parlarvi della mia nuovissima Icarus.

giovedì 17 settembre 2015

I 150 anni di casa Peterson


Dalle parti d'Irlanda è proprio un'annata speciale questa.
Per Peterson il 2015 non è un anno qualunque. La celebre azienda irlandese, infatti, compie i suoi 150 anni di piena attività.
Un secolo e mezzo di storia vissuta a testa alta, con passione, restituendo a noi fumatori la gioia di poter stringere tra le mani pipe di qualità.
Per celebrare al meglio questo fantastico anniversario è stata realizzata una particolarissima Oom Paul dalle generose dimensioni in tiratura limitata.
Naturalmente non poteva mancare un video ad accompagnare l'evento.
È mio interesse condividerlo con voi.


venerdì 11 settembre 2015

"Curvy" by Al Pascià: la pipa che non c'era



"C'è vero progresso
solo quando i vantaggi
di una nuova tecnologia
diventano per tutti."

Henry Ford
E proprio da queste parole è scattata la scintilla che ha permesso la realizzazione della particolarissima "Curvy" pipe, nuovo esclusivo progetto a marchio "Al Pascià" che sarà presentato a Dortmund (dal 18 al 20 settembre) in occasione dell'InterTabac 2015.
Tutto iniziò a prender vita un paio di anni prima quando i titolari dello storico atelier con sede a Milano, durante un "Briar Tour" in terra olandese, iniziarono a lasciar maturare un'idea tanto interessante quanto complessa: una collaborazione intenta a dar vita ad una pipa che fosse funzionale, realizzata con estrema cura... E soprattutto alla portata di tutti.
Un lavoro lungo 24 mesi fatto di progetti, prove e modifiche... E che finalmente oggi viene alla luce.
L'idea alla base di questa iniziativa non è altro che quella di una calabash reverse. Si, queste particolari pipe dal generoso cannello con camera di espansione hanno la caratteristica di offrire fumate freschissime ed asciutte mantenendo però un'ottima compattezza accoppiata ad un'elevata trasportabilità.
"Nulla di nuovo sotto il sole" si potrebbe pensare dato che le reverse non rappresentano una vera e propria novità per il nostro mercato... Ma in realtà le cose non stanno proprio così.

lunedì 7 settembre 2015

"Fugu-Blowfish signature" by Briar Works International

Continua senza sosta il lavoro di Todd Johnson e della sua Briar Works International.
La ricordate l'elegantissima "Briar Works Calabash" con fornello magnetico estraibile di cui parlammo mesi fa (leggi: "Briar Works Calabash")? Benissimo, nella metà di agosto si è finalmente approdati alla seconda "signature" realizzata dalla mano del pipemaker di Nashville... Ed anche in questo caso i risultati sono a dir poco eccezionali.
A questo giro lo shape scelto per la firma è un'elegantissima reinterpretazione di una blowfish parzialmente ispirata dai lavori del maestro H.Tokutomi.
Devo ammettere che il risultato è veramente interessante: una fugu-blowfish che sembra nata a metà strada tra Giappone e Danimarca, eccentrica ed elegante, studiata per risultare confortevole sia nella mano destra che in quella sinistra.

lunedì 31 agosto 2015

Fumare "nella" pipa?

Il mese scorso me ne stavo beatamente seduto in giardino con un carissimo amico "toscanofilo" a godermi la frescura (si fa per dire) delle ore serali sfumacchiando la mia pipa e scambiando parole su parole.
La tarda serata era forse il momento più opportuno non solo per respirare ma soprattutto per concedersi una pipata estiva che potesse considerarsi un tantino più che soddisfacente.
Tra le tante chiacchiere "da veranda" ce n'è stata una in particolare che ha carpito la mia attenzione: il mio collega ci ha tenuto a fare una dovuta precisazione affermando che dal suo punto di vista non stavo fumando LA pipa... Ma stavo fumando NELLA pipa.

mercoledì 26 agosto 2015

L'ultimo saluto a Tom Spanu...

Tom in visita da Al Pascià
È proprio di oggi la triste notizia relativa alla scomparsa di Tommaso Spanu, per tutti noto come Tom.
Artigiano colmo di talento, apertissimo verso l'utilizzo di legni più ricercati e di materiali fuori dal coro, uno su tutti il suo amato sughero.
Dopo Paolo Becker va via un altro piccolo grande tassello della pipa "made in Italy".
Proprio alla memoria del maestro è dedicata questa mia fumata amara.
Un artigiano che avrebbe meritato sicuramente delle attenzioni maggiori.
Rimarrà per sempre nella nostra memoria grazie alle sue bellissime radiche.

lunedì 10 agosto 2015

Romeo & Kovalev

Blowfish by Mimmo Romeo
Si, è vero... C'è qualcosa che non torna.
Proprio una settimana fa avevo annunciato che agosto sarebbe stato il mese di stop per "Segnali di fumo" ed invece, contro ogni aspettativa, eccomi di nuovo qui.
Vi posso garantire che i miei intenti vacanzieri erano più che imperativi... Una vera e propria presa di posizione... E ce l'avrei fatta se solo non si fossero intromessi due grandissimi pipemakers come Mimmo Romeo e Roman Kovalev.
Ebbene si, la colpa è tutta delle loro pipe apparse nella newsletter di "Al Pascià" del 04/08/2015 (tra l'altro caduta proprio nel giorno del mio compleanno).
Due "pezzi di legno" di questo livello meritano di essere letteralmente consumati dai nostri occhi: la blowfish smooth del nostro "king of briar" da una parte... E la bamboo calabash in corbezzolo con fornello estraibile (e top in conchiglie polimerizzate!!!) del "neurologo" dall'altra.
Ed io?? Beh... Io vorrei tanto poter stare nel mezzo...!!!
E adesso ci si sente davvero alla prima settimana di settembre. Garantito.

Bamboo calabash by Roman Kovalev

lunedì 3 agosto 2015

Ferie d'agosto

Carissimi lettori, eccoci ormai giunti al mese di agosto.
Quest'anno "Segnali di fumo" ha deciso di concedersi un po' di meritato riposo.
Garantire un articolo con cadenza settimanale non è di certo cosa semplice ma è un piccolo impegno che si sta cercando di portare avanti con dedizione e tante dosi di sano divertimento.
Nonostante tutto si è deciso di optare per un mese di "libertà" quindi, come avrete già intuìto, le trasmissioni riprenderanno regolarmente a partire dalla prima settimana di settembre, magari con qualche interessante novità.
Nel frattempo, per chi volesse, restano comunque a disposizione molti interessanti articoli (con questo siamo a quota 176!) che vi invito a leggere e rileggere, magari comodamente seduti su una sdraio con una buona pipa tra i denti e la compagnia della brezza marina.
Buone vacanze e serenissime fumate.
Ci vediamo a settembre!!

lunedì 27 luglio 2015

Restauro: Ronson dublin sandblasted

Più di un anno fa un mio carissimo amico, rovistando tra le cianfrusaglie da buttare stipate in soffitta, si è ritrovato per le mani una vecchia Ronson sabbiata, una simpatica dublin.
La pipa, messa abbastanza maluccio, con molte probabilità doveva essere appartenuta a suo nonno ed era finita nel più totale dimenticatoio tra polvere, umidità e scatoloni.
Alla fine il mio collega, da buon antifumatore convinto, ha deciso di prendere questa radica e di metterla direttamente nelle mie mani: ha scelto di donarmela perché in fin dei conti "una pipa che non fuma non è una pipa".

lunedì 20 luglio 2015

Eder: broken shank

"Tutto ciò che non è perfetto
fino al più piccolo dettaglio,
è destinato a perire."

Gustav Mahler
I dettagli.
Si, sono proprio loro che mi spingono sempre e comunque ad ammirare con stupore i lavori di Eder Mathias.
Di lui ho già parlato in un precedente articolo (Il talento assoluto di Eder Mathias) e per qualcuno, forse, potrebbe sembrare banale tornare a battere su questo tasto... Ma per me non è affatto così.
I talenti, quelli veri, vanno apprezzati e rimarcati continuamente, soprattutto quando sono pronti a stupirci creazione dopo creazione.
Ed è proprio quello che è successo pochi giorni fa con l'ultimo aggiornamento sullo store di "Al Pascià", con una nuova radica di Eder messa li in bella mostra e pronta a lasciarmi di stucco per l'ennesima volta. Il motivo di tanto stupore, almeno a questo giro, non è tanto nello shape messo in cantiere (che agli occhi meno attenti potrebbe erroneamente apparire scontato o di facile realizzazione) ma proprio in un dettaglio.

lunedì 13 luglio 2015

"Le Baron": economica rivelazione?

Proprio in questi giorni sono stato contattato via mail da un amico fumatore.
Il suo obiettivo era quello di mettermi a conoscenza di un trinciato per pipa che circola in Italia da almeno un anno e che, tutto sommato, sembra esser passato alquanto inosservato (anche al sottoscritto).
Il tabacco in questione è il "Le Baron", prodotto dalla Grand River Enterprises Deutschland (distaccamento tedesco della multinazionale canadese) basandosi su una ricetta, a quanto pare, spiccatamente di stampo francese. Sulla confezione, rossa, fa bella mostra di se la suggestiva sagoma frontale di un triplano (e il rimando al celeberrimo Barone Rosso a questo punto ci sembra cosa ovvia).

lunedì 6 luglio 2015

Gigliucci: "False Sandblast", true rhodesian


Sembrerebbe proprio un particolare periodo per la pipa quello che stiamo respirando da qualche anno qui in Italia: da una parte abbiamo una folta (forse troppo) schiera di possibili talenti pronti a muovere i primi passi in questo settore, dall'altra invece possiamo trovare (pochi) pipemakers che son stati capaci di dare la giusta affermazione ai loro lavori.
Tra tutti i giovani e talentuosi artigiani italiani c'è n'è uno in particolare che ha saputo studiare e sviluppare un design originale ed immediatamente distinguibile.
Mi sto riferendo all'ormai più che affermato Andrea Gigliucci.
Andrea è un pipemaker nato a Follonica, classe 1968. A seguito di uno studentato presso l'Accademia Delle Belle Arti di Bologna apre nel 1999 un suo laboratorio di restauro intraprendendo un percorso lavorativo da ebanista.
La passione per il fumo lento lo porta, sette anni dopo, a realizzare la sua primissima pipa.
È nel 2011 che inizia a collaborare a piene mani con il progetto "Foundation" di Giorgio e Massimo Musicò e, allo stesso tempo, a sviluppare e fortificare il proprio e personale marchio.
Durante i primi mesi del 2015 ho avuto la fortuna di stringere rapporti con Mr. Gigliucci attraverso scambi di mail e gradevolissime telefonate.

lunedì 29 giugno 2015

Acquisti fumosi di giugno

Questo mese di giugno si è rivelato non eccessivamente ricco dal punto di vista tabagifero... Allo stesso tempo, però, ho avuto la fortuna di reinserire in "cantina" qualche prodotto a me caro e assolutamente irreperibile sullo stivale.
La complicità di un viaggio in Spagna da parte di mio fratello mi ha permesso di mettere le mani su tre buste del mio amatissimo "Stanislaw Balkan Latakia" e su un paio di "St. Bruno" per poter così rafforzare le scorte personali.
Due tabacchi tendenzialmente economici ma, a mio avviso, di gran pregio... Se solamente ce ne fossero le possibilità li innalzerei tranquillamente a tuttogiorno, ma sappiamo però che le cose non possono andare in questa direzione quindi per via della loro irreperibilità continueranno ad essere delle chicche da fumare in particolari occasioni.
Accanto ad essi sono arrivate anche un paio di confezioni di "Timm London Blend 1000", la mixture che consumo maggiormente. Si, nonostante in estate le english mixtures non rappresentino il centro focale delle mie fumate ho comunque preferito ricominciare a fare scorta per l'autunno.
A completare l'opera due buste di "Allegro (gusto pieno)" da consumare in spensieratezza nelle ore più bollenti della giornata.
E anche per questo mese è fatta.
PS: facendo "clic" sui nomi dei tabacchi è possibile accedere alle loro relative recensioni.

lunedì 22 giugno 2015

Il fumo dell’estate


Non sono mai riuscito a comprendere pienamente i motivi che mi spingono ad accantonare le mie amate english mixtures durante il periodo estivo.
Sembrerà assurdo ma ogni anno, con estrema puntualità, la storia si ripete: lentamente la calda stagione porta con se il mio distacco (temporaneo) da tutti quei tabacchi che fanno del Latakia il loro fiore all'occhiello.
Un allontanamento indolore questo, totalmente privo di forzature.
È come se il mio palato avvertisse l'inconsapevole esigenza di mettere da parte l'oro nero in favore di qualcosa di più antico, di più schietto, umile e rurale.

lunedì 15 giugno 2015

"Nichel Spigot": il passo falso di casa Peterson

Adoro Peterson. Questo ormai è un discorso risaputo e più che assodato.
Ho sempre amato i loro shapes e, tra alti e bassi, la maggior parte delle loro serie: porto da tempo con me la convinzione che abbiano dalla loro il vantaggio di offrire pipe ben realizzate a prezzi mai eccessivi.
Questo è sicuramente un grande pregio per chi si avvicina per la prima volta alla pipa... E anche per chi, come me, torna volentieri a spendere per il marchio di Dublino.
Tra le manovre commerciali firmate da Peterson in questo 2015 però ce n'è una che mi ha spiazzato più del dovuto, mi sto riferendo all'arrivo a catalogo delle nuove "Nichel Spigot", le quali vanno ad affiancarsi alle più note spigot classiche.
Novità interessantissima. Si, qualcuno potrebbe giustamente pensarlo.
Dal mio punto di vista, però, le cose non stanno proprio così.

lunedì 8 giugno 2015

Dunhill “Cumberland 1103” & Al Pascià “pipe bag”


Si, è effettivamente ciò che cercavo da tempo.
È dallo scorso anno che pensavo di portarmi a casa una buona pipa capace di racchiudere in se praticità e leggerezza senza perder d'occhio la giusta dose di classicità.
È vero, di pipe "pratiche" e "comode" ne posseggo più di una, non ci sono dubbi... Ma in questa circostanza era mia intenzione stringere tra le mani una di quelle radiche in grado di restare impressa nella memoria.
Date le premesse l'acquisto di una Dunhill "Cumberland" è stata una mossa più che azzeccata.
Ci ho rimuginato su per più di qualche mese ed alla fine la mia decisione è ricaduta su una billiard: semplice, pulita, senza fronzoli. Un indiscutibile classico senza tempo.
Per la precisione ho deciso di portarmi a casa una "1103" datata 2013. L'acquisto, come mia abitudine, è stato fatto sulla bottega virtuale di "Al Pascià" la quale, oltre ad essere un'assoluta garanzia, è uno dei rari stores italiani (se non l'unico) a concedere una vasta e costante scelta di white spot Gr1.

lunedì 1 giugno 2015

Samuel Gawith "Lakeland Dark": confermata (e toccata con mano) la confezione da 250g

Ha lasciato parecchio discutere la notizia dello scorso anno relativa alla scomparsa (sul suolo italiano) del famoso "Brown n° 4" di Samuel Gawith, il twist a base di Virginia e Kentucky tanto amato dai fumatori più esperti e dallo stomaco forte.
Io, in sincerità, mi schiero tra coloro che rimpiangono la sua uscita dal mercato. Ciò è stato dovuto ad un incremento di prezzo che ci avrebbe portato ad acquistarlo a cifre sempre meno ragionevoli e fuori dalla portata.
In compenso il buon Mario Lubinski si è attivato fin da subito trovando un valido sostituto al compianto twist: il "Lakeland Dark" (Virginia/Kentucky in formato ribbon).

lunedì 25 maggio 2015

Un modesto e sconosciuto omaggio a Paolo Becker


Qualche tempo fa, gironzolando sul web, ho avuto modo di entrare in contatto con una pipa sconosciuta, una di quelle radiche senza alcuna punzonatura, vendute a buon mercato e che generalmente lasciano nell'indifferenza quei fumatori sempre alla ricerca di qualcosa dal marchio pregevole.
Questa volta però la mia attenzione è stata catturata in particolar modo dal suo shape... Si, perchè portava cucita addosso una linea capace di ricordare palesemente le creazioni del compianto Paolo Becker.
La pipa "senza nome", come avrete notato, è senza dubbio di purissima ispirazione "beckeriana": certo, siamo ad anni luce di distanza dalle realizzazioni del pipemaker italiano ma l'idea che qualcuno a noi ignoto si sia cimentato nella realizzazione di tale "omaggio" mi ha sorpreso positivamente.

lunedì 18 maggio 2015

La festa della pipa di Cagli

Non c'è nulla da fare, con l'arrivo del mese di maggio prende giustamente il via quell'ormai consueto tormentone tanto caro a noi fumatori di pipa: "Chi è che viene a Cagli quest'anno??"
La questione, tra amanti e appassionati del settore è più che giusta: Cagli non è soltanto un ovvio punto di esposizione ma soprattutto un ideale luogo di incontro per rafforzare amicizie e per stringere o approfondire rapporti con i nostri amatissimi pipemakers.
Essendo ormai attivo da tempo con un blog di settore, mi troverei sicuramente a perfetto agio in un microcosmo come questo, in una totale full immersion di appassionati, amatori e semplici curiosi... Ma anche a questo giro ho deciso di starmene a casa e rinunciare a tutto quel ben di dio di pipe e strette di mani.

lunedì 11 maggio 2015

Neptune "Long Shank": questione di cuore

Stavo ancora aspettando, in questo 2015, di incontrare quella pipa capace di rapirmi nella maniera più totale.
A volte questa tipologia di incontri non sono così immediati: una pipa può volteggiarmi sotto gli occhi per settimane prima di metabolizzarla e comprendere a dovere di quanto mi sia innamorato di lei... In altri casi, invece, si tratta di folgorazione bella e buona, di un sano e autentico "amore a prima vista".
In questa circostanza sono dovuto arrivare soltanto a fine marzo per "scontrarmi" con una pipa degna delle mie più totali attenzioni.

lunedì 4 maggio 2015

La pipa secondo Luciano Lama

Luciano Lama e la sua 4's

Ai più giovani il nome di Luciano Lama dirà certamente ben poco ma basterebbe risfogliare qualche pagina relativa allo storico passato della politica italiana per conoscere meglio questo personaggio diventato noto prevalentemente per esser stato il segretario della "Confederazione Generale Italiana del Lavoro" (CGIL) dal 1970 al 1986.
La sua immagine di uomo politico è indissolubilmente legata anche alla sua celeberrima "Peterson De Luxe 4's", la pipa a forma di "S" divenuta talmente nota da essersi meritata l'appellativo, negli anni '70, di "pipa Lama".
Luciano Lama era un fumatore di pipa assai atipico: totalmente svincolato da quelle ritualità tanto care al nobile "fumo lento"... Non era altro che "un fumatore". Nulla di più.
Ma di quelli veraci. Veri. Autentici.

lunedì 27 aprile 2015

Smoke it easy: come preparare e caricare un ribbon

Un esempio di ribbon cut (da pipemagazine.com)
Il segreto per una buona fumata di pipa? La risposta, a mio avviso, è semplice: un buon tabacco.
Si, il vero segreto è tutto li... Ma solo se ad esso andremo ad abbinare un perfetto caricamento i giochi potranno considerarsi ultimati.
Con questo articolo, il primo di una serie di quattro, è mia intenzione andare a vedere come preparare e caricare al meglio quelle tipologie di tabacco da pipa più diffuse.
Più volte amici e conoscenti mi han chiesto espressamente consigli al riguardo e mi auguro che questi scritti possano risultare di facile comprensione, esaustivi... E soprattutto utili.
Il principale taglio con cui le nuove leve tendono a fare presto conoscenza è senza dubbio il classico ribbon: sicuramente il formato più diffuso sul vasto mercato dei tabacchi da pipa.
Un buon esempio di questa tipologia di cut ci può essere dato dal reperibilissimo "Trinciato Italia" o dall'altrettanto celebre "Trinciato Comune".
Ma come bisogna comportarsi quando si ha a che fare con la fase di preparazione e caricamento?
Cerchiamo di capirlo.

lunedì 20 aprile 2015

Dunhill Shell 3110: Bing Crosby style

A seguito della pot County 2106 di cui si è già discusso in un precedente articolo (qui) ho deciso di concedermi ancora una nuova pipa marchiata Dunhill permutandola con una Peterson che, nonostante la sua effettiva validità, stavo utilizzando davvero poco.
In questa occasione, complice il mio caro amico Simone della "Tabaccheria del Corso", mi sono lasciato felicemente tentare da una "Shell", per esser più precisi da una 3110.
Lo shape 3110, la "Bing Crosby" per eccellenza, è uno dei più classici ed eleganti ch'io abbia mai stretto tra le mani: snello, abbastanza leggero e con una vera in argento (secondo me giustificatissima anche per via dell'esile cannello) che aggiunge quel tocco di raffinatezza in più che proprio non guasta.
L'acquisto è stato molto semplice e privo di ogni sorta di dubbio dato che sono innamorato di questa linea e desideravo da tempo inserirla nella mia bacheca.

lunedì 13 aprile 2015

"The Scuderia Series" by Cornell & Diehl

Immagini tratte da Smokingpipes.com
Sono da poco arrivati sul mercato (statunitense) quattro nuovissimi tabacchi freschi di confezionamento firmati dall'ormai celebre e inossidabile Cornell & Diehl.
La cosa davvero interessante e capace di stimolare la mia curiosità è che ognuna di queste tins risulta esclusivamente dedicata ad un pipemaker italiano.
I maestri della radica coinvolti nella serie "Scuderia" (si, nome e logo si rifanno spudoratamente al "cavallino rampante") sono i nostri "Don Carlos", "Luciano", "Cavicchi" e "Radice".
Naturalmente certe chicche in Italia avremo modo di vederle solo se muniti di un potentissimo binocolo.
Dal mio onesto punto di vista sono però più che convinto che gli unici prodotti di mio interesse potrebbero essere soltanto la tin di Radice e quella di Don Carlos, il contenuto delle altre due non mi convince affatto essendo agli antipodi dei miei gusti di fumata.
La grafica delle confezioni, in tutta sincerità, mi risulta poco gradita per via di quelle foto un tantino funeree... Si poteva fare di meglio.
Prezzo per ogni singola tin 9,20$ (sul suolo americano).

martedì 7 aprile 2015

Review: M.S.T. "Italia"


Marca: Manifatture Sigaro Toscano
Nome tabacco: Italia
Origine: Italy
Master blender: M.S.T.
Trattamento: Air cured
Tipo confezione: busta da 40g
Pipa utilizzata (costruttore, modello, serie): Varie (in radica)

mercoledì 1 aprile 2015

"Marfin": la radica al servizio della rasatura

È da tempo ormai che seguo con estremo interesse il lavoro di Marco Finardi.
Il suo marchio, "Marfin", ha ormai raggiunto una certa notorietà all'estero e l'eco dei suoi lavori sta rientrando finalmente anche sul suolo italiano.
Anche Mr. Finardi, come noi "pipatori", ama la radica... Ma il suo amore, in questo caso, ha una finalità ben diversa e originalissima: no, non parliamo di un pipemaker questa volta... Ma di un maestro dei "pennelli da barba".
Io stesso, essendo un appassionato della "vecchia scuola" della rasatura, non posso fare altro che ammirare la sua passione e la sua arte.

martedì 24 marzo 2015

Acquisti fumosi di marzo

Questo mese di marzo è stato interessante dal punto di vista tabagifero.
L'unico acquisto italiano è relativo ad una confezione (la terza, per essere più precisi) del nuovissimo "Toscanello Granducato", presentato in tiratura limitata per seguitare i festeggiamenti per i 200 anni dall'acquazione che diede vita al nostro amatissimo storto.
Confezione curata e contenuto più che soddisfacente.
Gli altri arrivi invece provengono tutti rigorosamente dall'estero: una tin da 100g dell'indispensabile "Wellauer Latakia" (l'unico dichiarato siriano disponibile in commercio) e due confezioni di Samuel Gawith, rispettivamente una di "Black XX" e l'altra di "Brown n° 4".
Per questi ultimi due nutro una vera e propria venerazione.
E anche per questo mese posso ritenermi più che soddisfatto.

martedì 17 marzo 2015

Toscanello "Granducato"

È giunto ad inizio marzo nelle tabaccherie il nuovissimo Toscanello "Granducato".
Con questa nuova serie limitata continuano i festeggiamenti (già iniziati con il "Garibaldi il grande") per i 200 anni dall'acquazione che diede vita al sigaro italiano più famoso nel mondo.
Anche in questa occasione, come già accaduto in precedenti circostanze, la confezione stessa gioca un ruolo predominante.
Il "Granducato", infatti, si presenta in formato da 10 mezzi Toscani racchiusi all'interno di un elegante box in legno dotato di chiusura magnetica.
Per lo meno, a differenza dell'altrettanto recente Toscano "Opera", non abbiamo avuto a che fare con un "riciclaggio" bello e buono di packaging.